Menu
Biancaneve e i sette politici

Biancaneve decise di candidarsi a sindaco con l'aiuto dei sette nani

Quando Biancaneve riunì a tavola i sette nani disse loro la novità: "ho deciso di candidarmi sindaco!"
"So bene che è una scelta difficile ma io voglio fare la mia esperienza, con voi o senza di voi" - disse con tono deciso.
Brontolo rispose: "Mia cara, è troppo tardi per candidarsi a primo cittadino, noi abbiamo già preso impegni con altre persone."
Eh si, ribattè Pisolo: "Ognuno di noi ha un proprio candidato, come facciamo a mollare tutto per te?".

Effettivamente in quel periodo c'erano in circolazione una una serie di candidati sindaci.

I sette nani (politicanti) si erano da tempo prodicati ad avvalorarne le candidature.  
Si trattava, nello specifico di...


download.jpgIl principe azzurro
Noto eroe della foresta nera che da tempo faceva politica. 
La sua candidatura era appoggiata da Eolo e Mammolo, conosciuti
per avere fiuto e muoversi dove soffiava il vento più forte.
Mammolo, nello specifico, era soggetto agli uomori di Eolo
e spesso faceva quello che gli veniva detto.


harry-potter-cartoon-png-6.pngIl mago Harry Potter
Tutti amavano il famoso maghetto che faceva gioire grandi e piccini.
Harry era sostenuto da Pisolo e già da tempo avava iniziato le sue magie per diventare
il primo cittadino della città. Difficilmente Pisolo poteva lasciare tutto per biancaneve.


123.jpgLo scienziato Einstein
Uno dei migliori, il più quotato.
Era sostenuto da Brontolo da Dotto e da Gondolo.
Una candidatura sulla quale puntavano molti amici dei nani
che ormai era troppo avanti per poter essere rimossa.
Biancaneve, anche in questo caso, non averebbe
potuto avere l'aiuto dei suoi amici nani.


x.png

Mister X
Il candidato sostenuto da Cucciolo
Nessuno sapeva realmente il suo nome.
Cucciolo si stava muovendo in sordina, convocando riuinioni alla destra del villaggio.
Voleva mettere insieme i vari RE dei castelli vicini e riunire tutti sotto un solo
nome: MISTER X, appunto!


Come avrebbe fatto biancaneve senza l'aiuto dei suoi amici nani?

Ovviamente non ci dormì tutta la notte.
Per lei era stata una grande delusione: non poteva più contare sugli amici nani.
Penso... ripensò e poi prese una decisione: decise di fare una torta di mele per tutti.
Li chiamò, li riunì tutti a pranzo e disse loro:

"Cari amici, ci conosciamo da tempo.
Vi ringrazio per avermi fatto capire che l'amicizia in politica non serve a nulla.
Mi spiace solo averci creduto.

Se mi indicate un nome posso aiutarvi e candidarmi come consigliere in qualche vostra lista.
Ho capito che in politica vale tutto e non vale niente"

I nani ne furono felici.
"ABBIAMO UN NUOVO CANDIDATO" urlavano... grazie Biancaneve....
"Vieni con me" - disse il primo - "No, vieni con noi" - dissero gli altri due....
Insomma iniziarono a litigare.

Alla fine Biancaneve si stancò e si mise in piedi sul tavolo... tutti si zittirono!


"Cari amici, avete dimistrato la vostra ingordigia non considerando il mio affetto nei vostri confronti.
Prevedevo questo vostro comportamento infame.
Ho messo una pozione magica nella torta che vi farà dormire tutti fino alla fine delle elezioni.
Mi sembra l'unico modo per riportare la pace tra di noi.
L'unico che resterà sveglio sarà Cucciolo, il più corretto e quello più sincero.
Ci rivedremo quando tutto sarà finito"

Nel paese delle meraviglie si svegliarno tutti dopo mesi di sonno, e alla fine tornarono ad essere di nuovo amici 


** nota del blog
Ogni riferimento a persone o cose è puramente casuale. Anche la stessa biancaneve non rappresenta una donna o un uomo, ma solo un "candidato sindaco".
Il personaggio è stato scelto per la sua appartenenza bibliografica agli amici 7 nani