Menu
Agrigento Amministrative - a che punto siamo

Sembra esserci uno schema che però non comprende un centrodestra unito

Sembrerebbe conclusa la prima fase della campagna elettorale che finisce – inevitabilmente - con la conta di alcuni morti e feriti.
Infatti, dopo una serie d’intese tra i partiti, si comincia a delineare uno schema - che però - non è ancora definitivo: solo un bozzetto di un possibile proseguo politico che secondo noi potrebbe ulteriormente cambiare.

Il panorama dei candidati sindaci rimane pressoché immutato, salvo la candidatura annunciata del centro sinistra (con un proprio esponente) di cui però non è ancora chiaro il nome e l’estrazione partitica.

Marco Zambuto
Secondo i rumors cittadini dovrebbe essere il candidato di Fratelli d’Italia, anche non c’è mai stato un comunicato ufficiale. Certamente, la nota stampa di Mimmo Incardona (FdI), manifesta una spaccatura in Fratelli d’Italia che gradirebbe (forse) una scelta di partito rispetto ad un elemento esterno.

Franco Miccichè
Un candidato dalle grandi possibilità. Potrebbe aver già definito un accordo con la Lega di Salvini tra le liste che lo sosterranno in campagna elettorale. Bisognerà capire quanto sia numericamente forte il partito del carroccio in una realtà amministrativa che ha sempre puntato sulle persone più che sui simboli.

Lillo Firetto
È l’unico che non ha fatto alcun rumore politico. Il lavoro di Firetto, fatto in sordina ma con estrema dovizia, ha spiazzato un po’ tutti. Si conosce poco sulla quantità di liste che lo sosterranno e anche sui candidati che saranno la sua forza politica. Di sicuro è un sindaco uscente ed è quindi - di fatto - il candidato con la maggiore possibilità di successo rispetto tutti gli altri.

Aldo Piazza
In una recente intervista ribadisce come il centrodestra sia ancora in attesa di convergere su un candidato unico. La cosa però sembra ormai una chimera, anzi l'irraggiungibile speranza di un accordo che non troverà mai fondamento in un contesto amministrativo. Non ci sono notizie in merito ad altri partiti che sosterranno la sua candidatura (e nemmeno in merito alle liste che appoggiano l’ex sindaco).


Ci sono poi altre proposte in merito altri candidati sindaci che per adesso, vista la carenza d'informazioni, preferiamo non commentare. Risulteremmo vaghi e poco precisi.


I morti e i feriti citati all’inizio dell’articolo (ovviamente in senso figurativo), sono quei profili che stanno defilandosi dai giochi secondo lo schema tipico dei consensi popolari e delle discussioni da bar, per intenderci.
Sono quei candidati che non riescono ad emergere e trovare un consenso tra la gente che non ne parla e nemmeno li nomina.
Dal chiacchiericcio al voto nell’urna il passo è breve.

Rimandiamo l’argomento in un articolo pubblicato pochi giorni fa in merito la matematica applicata alla politica.

Uno scenario dove c'è un protagonista: Vox Italia

vox-italia-diego-fusaro-1-750x391.png

Il partito di Diego Fusaro partecipa alle elezioni amministrative agrigentine.
Un vulcano pronto ad esplodere che tiene conto della grande autorevolezza del suo fondatore e portavoce.
Sarà presente anche ad Agrigento rappresentato da una lista civica: Vox Italia, di fatto, sarà il vero protagonista di queste elezioni.
Si intravedono in questo schema i primi passi di un partito che diventerà presto un elemento determinante per la politica italiana.

 

fShare
14