Menu
candidati sindaco Agrigento 2020

Apparentamenti politici ad Agrigento che fanno male alla nuova coppia!

E muore così l'utima speranza di essere sindaco per chi, già più volte proteso alla candidatura, tracima nelle braccia di un altro candidato.
Con popò di comunicati d'apparentamento e con fervidi giuramenti di condivisone di idee e di valori la sostanza non cambia:
non si è stati capaci, per un motivo o per un altro, di fare una propria lista e una vera campagna elettorale.

Una farsa oppure un'astuta mossa politica?

Qualcuno penserebbe ad una mossa sensata oppure ad una farsa programmata da tempo (come spesso accade).
Di fatto, quando un candidato non vede montare la propria candidatura, va in cerca "oboli" nelle case altrui.
Il fatto è che le case di altri sono già colme di rifugiati.

Lunghe discussioni e strette di mano non potranno mai soddisfare le aspettative di entrambi i candidati.
Uno sarà candidato sindaco e l'altro la sua "storta" stampella.
 
È tutto normale, tutto lecito e si chiama politica, ma di quella più squallida che possiate immaginare.

I fidanzamenti concordati non sono mai una bella cosa, specie in politica e specie ad Agrigento.

In molti casi di apparentamento però, queste plateali azioni di retro front, non risparmiano le figuracce epiche.

Ben ricorda la città di come furono dette parole di estrema fermezza sul proseguo delle intenzioni alla candidatura... e poi? 

Un misera e veloce ritirata sancita dietro un accordo fra candidati (spesso) estranei in tutto.

Risultati politici di un matrimonio non voluto 

La valenza di certi gesti avrà sicuramente un peso elettorale negativo non da poco. 
Di certo non per chi "accoglie" ma per chi viene "accolto".

Nella maggior parte dei casi non vi sarà nessun obolo per il rifugiato poiché quasi sempre l'apporto dei suoi voti sarà vicino allo zero.
 
L'ex candidato ha solo alzato l'asticella per disperazione.
Sarà messo da parte 1 o 2 giorni dopo le elezioni.

Dimenticato per sempre dalla (non) sua squadra politica e da tutto il popolo agrigentino.
E poi si sà, la gente dimentica tutto ma non dimentica tutti.

Non si poteva lasciar perdere un argomento così rilevante per una città che si accinge a votare.
Il nostro consiglio? Sempre lo stesso...

Diffidate da quelli che creamo questi "altarini" ancor prima di avere una carica...
Se ne avessero una potremmo pensare seriamente di cambiare città!