Menu
Aldo Piazza Spiazza Tutti

Gli altri candidati sindaci non avrebbero mai messo in conto che Aldo Piazza sarebbe potuto diventare un problema serio, eppure oggi è un dato di fatto.
Sapere ascoltare le richieste della gente (e dei quartieri agrigentini) è un dono che solo Piazza sembra possedere.
Si sa, nessuno vince contro il volere popolare e ogni giorno che passa sembra emergere un solo nome: quello di Aldo Piazza, appunto.
Un’anomalia nel sistema che spiazza tutti, compresa la vecchia politica, che forse, con estrema velocità, ha proposto candidati non troppo simpatici ai cittadini.
Anche la campagna elettorale di Aldo Piazza è una novità.
Lo stesso uso della comunicazione su internet è difficile da imitare, ma soprattutto è un modo efficace per essere sempre attenzionato da molti con semplicità ed efficacia.
La presenza tra la gente contraddistingue Piazza da ogni altro candidato.

Vi riportiamo una breve chiacchierata con Piazza

“Ho deciso di candidarmi da uomo libero perché sono un uomo libero.
Uno che non deve rendere conto ai partiti politici e alle lobby che da anni devastano la nostra città.
Quando guardo Agrigento non vedo più nulla di bello.
È come se sopra la città vi fosse una coltre di fumo che offusca ogni favolosa caratteristica della nostra terra.
L’ordinaria amministrazione, che dovrebbe essere la cosa primaria per un comune, è completamente assente.
Le nuove prospettive turistiche e lavorative sono argomenti mai trattati.
Se qualcuno pensa di abbellire le strade agrigentine con luci e decorazioni natalizie dovrebbe prima mettere in sicurezza moltissimi edifici del centro storico e pensare alle pulizie di fine anno.
Dovrebbe capire che la gente ha capito che le apparenze non ingannano più nessuno, ci vogliono i fatti.
Una delle mie priorità sarà quella di lavorare immediatamente sul piano regolatore, sulla raccolta differenziata e sulle tasse spropositate che vertono sui cittadini.
Solo in questo modo sarà possibile attuare operazioni di finanziamento. attraverso progetti italo-europei, al fine di garantire nuovi flussi economici per gli agrigentini.
Il comune è la casa di tutti e deve diventare il riferimento per ogni proposta e iniziativa che arriva dalla collettività”.

Aldo Piazza è ancora il sindaco più votato di una città capolugo

Eletto nel 2001 con il 76% dei voti rimane ancora oggi il sindaco più votato di una città capoluogo d'Italia.
La sua è una candidatura che spiazza tutti e gli anni della sua sindacatura sono ancora ricordati per aver dato ad Agrigento un periodo florido e capace di rispondere alle esigenze di una città oggi quasi scomparsa.

fShare
4